Di stagione è sempre meglio · Life-style · Orto in casa · Primavera · Trucchi di Autoproduzione

Il Diario dell’Orto: Aprile

Le scelte radicali sono sempre state parte integrante della mia vita… Che sia colpa dell’ascendente Sagittario? Bah, diciamo così! 😉

Scegliere di slegarsi dal mondo del lavoro convenzionale e vivere con il meno indispensabile sta diventando per me una consuetudine sempre più radicata. Da poco meno di due mesi è iniziato questo processo e ammetto che la transizione è ancora piuttosto evidente, ma la soddisfazione e la positività che mi sta dando tutto questo è impagabile.

Certamente in questo processo l’orto di casa è un vero must, anche se la mia passione per le piante e per la loro coltivazione era piuttosto evidente anche quando l’unico spazio verde che avevo a disposizione era il piccolo balcone del mio appartamentino di città.

Non sono una professionista, sia chiaro, e certamente troverete tantissimi consigli utili su giardinaggio e coltivazione altrove… Ma condividere con voi tutto il mio impegno e la mia soddisfazione, sì, lo faccio davvero più che volentieri!

Approfittando della luna crescente, oggi per noi è giorno di semina di fagioli e fagiolini, quelli gialli più teneri e dal sapore più delicato… Tre semini per foro come mi ha insegnato la bisnonna ed è tempo di aspettare: acqua, calduccio e tempo faranno il resto. Fra circa 10-15 giorni dovrebbero spuntare le prime piantine!

La semina di tutti i legumi è inoltre molto utile per l’orto poiché queste piante hanno la particolarità di fissare l’azoto nel terreno, che in questo modo diventerà ancora più fertile. Se a casa avete un piccolo spazio verde che volete rendere coltivabile, fra le prime colture potete scegliere proprio loro! Crescono in un lampo, richiedono poche attenzioni e vi aiutano a curare il terreno. ❤

Accanto invece crescono alla velocità della luce i piselli “mangia tutto”! Letteralmente li adoro e spesso li sgranocchio anche mentre li raccolgo… Purtroppo a causa del tempo inclemente di questo inizio di aprile hanno richiesto qualche giorno in più del previsto per germogliare, ma se il clima resterà mite recupereranno alla grande.

Questo tipo di piselli sono una varietà rampicante e le prime particolari foglie filiformi che si vedono in foto sono il segnale che le piantine iniziano ad avere bisogno di un sostegno. In settimana quindi preparerò tutto il necessario!

img_20180419_120950189673219.jpg
I piselli “mangia tutto” piantati a fine marzo stanno crescendo! Quei piccoli fili che spuntano dalle piantine sono in realtà particolari foglie, necessarie alla pianta per arrampicarsi.

Anche nelle aiuole in penombra è un tripudio di germogli! Ravanelli, carote e rucola selvatica sono stati seminati appena una decina di giorni fa, con la luna calante, ma in questi ultimi giorni di sole stanno crescendo alla velocità della luce. Al momento riposano coperti da un telo, che li protegge dai predatori e dagli sbalzi di temperatura. Quando le piante saranno diventate più grandi e forti, potranno stare tranquillamente all’aria aperta!

img_20180419_1213581605760956.jpg
I ravanelli sono un’altra piantina che germoglia in fretta e che cresce con facilità estrema anche in vaso. Bastano una base drenante ed un terriccio molto morbido, una manciata di semi sparsi ben distanziati da annaffiare regolarmente e già in 4 – 6 giorni spunteranno le prime piantine.

Mentre basilico ed insalate da taglio hanno bisogno di ancora un po’ di pazienza… Così come il mio adorato coriandolo. Di questa pianta aromatica vengono utilizzati sia i semi che le foglie fresche, ma se i semi si trovano con grande facilità, lo stesso non vale per le foglie. Il coriandolo fresco è un must della cucina etnica e assomiglia per certi versi al prezzemolo, ma ha un sapore molto più aromatico, che ricorda il limone. Lo scorso anno sono riuscita a recuperare i semi da una pianta ed ora eccolo che spunta! Ci vorrà ancora un po’ di pazienza, ma la soddisfazione è già tantissima.

Per comodità ho trapiantato invece sedano, lattuga romana e… Bietole da coste rainbow! _decisamente adatte alla mia persona e di gran moda su Instagram (date un’occhiata al nostro profilo e seguiteci! <3)_. Hanno ancora bisogno di adattarsi, ma hanno attecchito bene, anche grazie al loro lettino (che in realità si chiama pacciamatura) di paglia. La paglia mantiene umido, caldo e protetto il terreno, il massimo per ogni piantolina.

Il trapianto di queste varietà rende la loro coltivazione molto semplice anche in vaso. Sono piante che richiedono pochissime cure e poca luce (6 ore al giorno sono più che sufficienti). L’unica accortezza sta nel contrastare le lumache che letteralmente sono ghiotte di questi ortaggi. Se le vedete gironzolare, togliete le lumachine e spostatele in luoghi lontani e tranquilli.

img_20180419_121046652649167.jpg
La lattuga romana sta crescendo benissimo in un’aiula rialzata posta a mezz’ombra. Fra qualche giorno sarà tempo di legare i caspi in modo che crescano stretti e lunghi, come vuole la tradizione… Anche se non credo lo farò, adoro le piante che crescono in libertà!

E poi ci sono loro, le nostre fragole coperte di fiori! Queste piante sono davvero speciali: sono state messe a dimora qui cinquant’anni fa dalla nonna del mio fidanzato, ma loro non hanno mai smesso di riprodursi e crescere tutte attorno al pozzo, dove il terreno è più morbido e umido.

img_20180420_102537245329477.jpg
Piantine di fragole in fiore ed accanto il tarassaco, nato spontaneamente. Non ho intenzione di togliere queste piante, anche se spesso ritenute “infestanti”: richiamano gli insetti impollinatori, le loro foglie sono ottime da mangiare e poi… Ma quanto è bella la biodiversità?

Accanto a loro è nata spontaneamente la camomilla: suppongo vadano d’accordo e chi sono io per dividere una così splendida amicizia?

img_20180419_121149457775503.jpg
Non ho trovato fonti che parlino di una consociazione positiva fra fragole e camomilla, ma ho notato che dove cresce la seconda le piante di fragole sono più forti e rigogliose, ma ancora senza fiori… Le lascio fare, vediamo che succede!

Nei prati è invece un tripudio di piantagginetarassaco ed acetosa, erbe spontanee dal gusto deciso e dalle mille proprietà, che noi adoriamo cotte ripassate in padella, nelle zuppe, nelle farinate, nella piadina e nelle polpette, ma anche crude in insalata.

Se volete sapere di più sulle proprietà del tarassaco date un’occhiata a questo post!

Fra pochi giorni sarà tempo di trapiantare le piante estive ed il terreno è già pronto per ospitarle. Nel frattempo, come sempre…

Keep-Calm-And-Eat-Your-Veggies-Happy-World-Vegetarian-Day

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...