Cibo · Inverno · Primi piatti e zuppe · Ricette

Vellutata di cavolo viola al profumo di cumino

Fine febbraio e si annunciano i giorni più rigidi di questo strano inverno. Qui soffia un vento freddo tremendo e l’unica cosa che sembra sensata è chiudersi in casa, in compagnia dei nostri mici, qualche libro da leggere e l’onnipresente Netflix.

Il cibo non può che essere totalmente adatto a questo periodo: colorato, abbondante, caldo e confortante.

 

Per il pranzo di oggi ho quindi optato per un’idea semplice, quasi obbligata dalla dispensa semivuota, ma inaspettatamente golosa! Il protagonista è il cavolo viola, uno dei principi indiscussi dell’inverno, reso cremoso dalle patate e pungente dall’aromatico cumino. Completa il piatto l’orzo, un must nella mia cucina!

Ingredienti per 4 persone

1 cipolla dorata
3 patate di piccole dimensioni
1/2 cavolo viola
100 g di orzo perlato
1 cucchiaino di semi di cumino
1 foglia di alloro
2 cucchiai di olio e.v.o.
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di aceto di mele
1 l di acqua
yogurt di soia ed erba cipollina per guarnire

Procedimento

Per prima cosa peliamo le patate e tagliamole in cubetti di piccole dimensioni, tritiamo finemente le cipolla ed affettiamo sottilmente il cavolo viola.

Mettiamo tutti gli ingredienti in una pentola dal fondo spesso, condiamo con olio, sale e cumino. Mettiamo quindi all’interno della pentola la foglia di alloro intera ed iniziamo a cuocere a fiamma media per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto.

Quando le verdure saranno appassite, copriamo con l’acqua e mescoliamo con cura; facciamo sobbollire lentamente per 20 – 30 minuti o finché le verdure non saranno diventate tenere.

Togliamo quindi la pentola dal fuoco, leviamo la foglia di alloro ed aggiungiamo l’aceto di mele. Frulliamo il tutto con il frullatore ad immersione in modo da ottenere una vellutata omogenea.

Rimettiamo quindi il tutto sul fuoco e non appena riprende il bollore aggiungiamo l’orzo perlato. Facciamolo quindi cuore per 20 minuti, trascorsi i quali possiamo spegnere la fiamma e lasciare riposare la nostra vellutata.

Dopo 5 minuti di riposo, distribuiamo la vellutata nei singoli piatti e completiamo con qualche cucchiaino di yogurt di soia al naturale ed erba cipollina tagliata finemente.

 

Dal punto di vista nutrizionale: poche calorie e splendida pelle!

La vellutata di cavolo viola è estremamente confortante, ma anche molto leggera, con le sue 190 kcal per porzione. La stragrande maggioranza di energia è offerta dall’orzo, mentre risulta abbastanza povera di grassi e di proteine, motivo per cui deve essere accompagnata ad altre fonti proteiche per poter completare in modo adeguato il pasto.

La sua elevata presenza di fibre la rende però estremamente saziante ed è una ricetta adatta quindi alle persone a dieta, ma anche a chi ha la necessità di regolarizzare l’intestino.

Fra tutte le Brassicacee, il cavolo viola è sicuramente quello che offre il magiore apporto in assoluto di ferro e calcio, molto ben rappresentati nella ricetta, mentre fra le vitamine spicca la vitamina A, fondamentale per il benessere di pelle e vista. Per quanto riguarda la vitamina C, presente in abbondanza nel cavolo viola crudo, non possiamo dire la stessa cosa in quanto questa viene degradata con la cottura.

Sostanze fondamentali per il nostro benessere sono poi le antocianine, dal forte potere antiossidante, che rendono questo piatto un vero e proprio antiage e ci proteggono dagli attacchi di stress, inquinamento, alimentazione frettolosa o fumo di sigaretta.

2 risposte a "Vellutata di cavolo viola al profumo di cumino"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...