Alimentazione funzionale · Autunno · Fitoterapia ed altri rimedi

5 strategie salva autunno

L’autunno è sempre stata la mia stagione preferita. Il tempo in cui tutto esplode con la sua ultima bellezza, come se la natura si fosse risparmiata tutto l’anno per il gran finale.

Lauren De Stefano

A novembre l’autunno è al suo apice: le giornate diventano piovose e decisamente fresche, i cibi da mettere nel carrello cambiano e la parola d’ordine di questo periodo è…Coccole!

Se da un lato la società ci costringe a passare intere giornate fuori casa sovraccarichi di impegni _e stress_, dall’altro lato il nostro orologio biologico pretende calore, riposo ed introspezione. Per alcune persone questo dualismo diventa decisamente pesanete ed ecco quindi comparire cali di energie, spossatezza, irritabilità…ed i primi malanni.

Ecco le mie 5 idee per godere al 100% dell’energia che questo meraviglioso periodo dell’anno ci può offrire!

1. Scegli cibi caldi e confortanti

Il repentino abbassarsi delle temperature è per molti un grosso problema: il corpo non ha il tempo materiale per adattarsi a questo cambiamento ed il risultato è una maggiore e spiacevole percezione del freddo.

Per questo motivo è utile dare sollievo e tepore al nostro corpo preferendo cibi caldi e confortanti: la frutta e la verdura a disposizione in questo periodo è perfetta allo scopo, fra la dolce e cremosa zucca, le energetiche castagne ed i super proteici funghi! Se ti interessa scoprire di più sull’argomento, trovi tante informazioni qui.

pexels-photo-539451

Via libera quindi a cibi caldi e cremosi come zuppe e vellutate, agli stufati accompagnati da cereali integrali o polenta, agli spuntini con la frutta cotta ed impreziosita da spezie riscaldanti come la cannella, i chiodi di garofano o lo zenzero.

Da non sottovalutare è poi l’idratazione, essenziale anche ora che le temperature più basse ci invitano a bere di meno: largo quindi a tè e tisane, calde e piene di proprietà benefiche!

Attenzione però perché cotto e caldo va bene, ma nelle giuste proporzioni! Alcuni cibi perdono molto del loro potere nutrizionale in fase di cottura ed alcune vitamine, come la preziosa vitamina C, vengono degradate dal calore. Accanto ai pasti caldi è quindi una buona idea alternare sempre porzioni di frutta e verdura crude, in modo da garantirci la giusta dose di nutrienti ogni giorno.

2. Integra più magnesio con l’alimentazione

Il magnesio è un minerale essenziale per il nostro organismo, basti pensare che partecipa a più di 300 reazioni enzimatiche, fra le quali quelle necessarie a trasformare i cibi che mangiamo in energia, alla produzione da parte del nostro corpo di molecole fondamentali per la vita quali le proteine ed il DNA, alla trasmissione di impulsi nervosi e segnali chimici fra le cellule.

Incorrere in una grave carenza di magnesio è molto difficile poiché nelle nostre ossa ne è sempre disponibile un’abbondante scorta, pari a circa il 60% dell’interno quantitativo di magnesio presente nell’organismo, ed esistono meccanismi fisiologici specifici per mantenerne i livelli costanti; un’alimentazione corretta e varia, inoltre, consente di reintegrarlo senza problemi.

Ciò che però è interessante notare è che il magnesio gioca un ruolo non trascurabile in caso di forte stress, insonnia e stati ansiosi; alcuni studi hanno evidenziato inoltre un miglioramento del tono dell’umore ed una maggiore facilità di recupero in atleti particolarmente allenati _sottoposti quindi a forti sforzi fisici_.

Se da un lato quindi l’uso indiscriminato di integratori a base di magnesio è inutile (quello in eccesso viene semplicemente eliminato con le urine), può essere di aiuto prestare attenzione ad introdurre sufficienti quantità di questo minerale con l’alimentazione.

shutterstock_523070689

Via libera quindi alle verdure a foglia verde: il magnesio è infatti uno dei componenti essenziali della clorofilla delle piante. Ottime fonti di magnesio sono inoltre i cereali, in particolare il grano duro ed il super miglio, la frutta secca _su tutte mandorle, arachidi ed anacardi_ ed i legumi, in particolare fagioli, lenticchie e ceci (da consumare sempre prima di un ammollo di almeno 12 ore per eliminare tutti i fattori antinutrizionali presenti). Per ultima, ma non per importanza, troviamo la cioccolata! Sempre fondente e di buona qualità.

3. Trova il tempo per passare qualche ora all’aperto

Proprio ora che le ore di luce stanno diminuendo è essenziale fare scorta…Di raggi di sole! Come vi avevo già ampiamente spiegato in questo articolo, la luce solare è essenziale per mantenerci di buonumore e per garantire il benessere dell’organismo. I raggi UV-A, infatti, hanno la capacità di stimolare il nostro corpo a produrre l’importante vitamina D, che svolge un ruolo essenziale nel benessere delle ossa e delle nostre naturali difese.

Cerchiamo quindi, ora più che mai, di approfittare delle belle giornate per trascorrere del tempo all’aria aperta: basta una passeggiata di 30 – 40 minuti!

4. Prepara il corpo all’arrivo dell’inverno

Mantenere il nostro sistema immunitario efficiente è importante per non incorrere nei fastidiosi malanni di stagione. A questo scopo ci sono di aiuto l’alimentazione ed alcuni estratti vegetali davvero interessanti!

Fra i nutrienti più utili per le nostre difese troviamo le vitamine A e C, mentre fra i minerali è molto utile lo zinco.

Per quanto riguarda la vitamina A, troviamo ottime fonti nei frutti e nelle verdure di colore arancione, poiché i carotenoidi che conferiscono ai cibi questa colorazione ne sono precursori. Largo quindi a melagrane, zucca, carote e cachi, ora di stagione!

La vitamina C si trova ora in abbondanza in agrumi e kiwi, ma anche nelle verdure a foglia verde e nei cavoli, ma attenzione! Questa vitamina è estremamente reattiva e viene deteriorata rapidamente dal contatto con la luce ed il calore. Meglio quindi prediligere i cibi crudi e freschissimi.

Come il magnesio, anche lo zinco è un componente fondamentale per moltissimi enzimi presenti nel nostro organismo: partecipa ai processi di respirazione cellulare, quelli cioè che permettono di trasformare il cibo in energia, nell’attività di alcuni ormoni e nei processi di replicazione e differenziazione cellulare. E’ proprio quest’ultima attività che diventa essenziale per le nostre difese, poiché una replicazione efficiente si traduce in una migliore produzione da parte del nostro corpo di globuli bianchi.

Diversamente dal magnesio, però, il nostro corpo è in grado di immagazzinarlo solo in piccole quantità, motivo per cui andrebbe introdotto regolarmente con l’alimentazione. Con buona pace delle ostriche, note fonti di zinco, possiamo trovarne discrete quantità anche nei cereali integrali, nei legumi e nella frutta secca, da consumare sempre previo ammollo di almeno 12 ore per eliminare l’acido fitico, sostanza che blocca l’assorbimento dei minerali.

coneflower-1578545_640

Fra gli estratti vegetali possiamo ricordare l’echinacea (Echinacea angustifolia, E. pallida, E. purpurea), una pianta delle zone temperate del Nord America appartenente alla  famiglia delle Composite (la stessa delle margherite e della camomilla) che contiene a livello delle radici echinacoside e polisaccaridi. Queste sostanze hanno la capacità di stimolare la moltiplicazione dei globuli bianchi da un lato e di bloccare i processi infiammatori dall’altro. Il risultato di questa azione sinergica è un valido sostegno sia a scopo preventivo, sia all’insorgere dei primi sintomi.

Un altro integratore molto utile ci è offerto dalla micoterapia: reishi possiede infatti caratteristiche immunostimolanti e regolatrici, utili in questo periodo dell’anno. Potete trovare moltissime altre informazioni in questo articolo.

5. Prenditi il tuo tempo

Sempre più spesso viene osservato come il nostro stile di vita frenetico, le discussioni a casa o il lavoro eccessivo siano un fattore chiave nell’insorgenza di vari disturbi.

Il responsabile di tutto ciò è il cortisolo, un ormone naturalmente presente nel nostro organismo ed essenziale per supportarci nei momenti di maggiore fatica e stress. Il cortisolo, in condizioni fisiologiche è fondamentale ed agisce per periodi limitati e con molteplici effetti: modifica il metabolismo degli zuccheri rendendoli disponibili in maggiore concentrazione nel sangue, modifica direttamente la gittata cardiaca ed indirettamente la frequenza cardiaca e di respirazione, promuove la degradazione di grassi e proteine al fine di ricavare energia, inattiva le difese dell’organismo, ci rende più vigili poiché stimola l’amigdala, l’area del cervello che controlla i sentimenti legati alla paura.

Quando il rilascio di cortisolo diventa continuo nel tempo, osserviamo come i suo effetti benefici risultino dannosi per la nostra salute: diventiamo più deboli ed irritabili, le nostre naturali difese sono meno pronte a reagire agli attacchi esterni, si crea uno scompenso nel metabolismo degli zuccheri, cala la massa muscolare e si riduce l’attività e la dimensione di alcune aree del cervello.

Ecco allora che ritagliarsi dei doverosi momenti di riposo e svago diventa fondamentale per poter stare bene a tutti i livelli, fisico e mentale, in questo momento più che mai.

2 risposte a "5 strategie salva autunno"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...