Alimentazione funzionale · Autunno

Il cibo che ci ama: il miglio

Per quanto mi riguarda, il mese di settembre è un po’ come un secondo gennaio, forse pure peggio per certi versi: bilanci e nuovi inizi, il tutto accompagnato dalla malinconia  che mi danno le giornate via via più brevi e fresche.

Ma settembre _e l’autunno in genere_ è anche il periodo dell’anno che mette maggiormente a dura prova la nostra chioma, per cui largo a shampoo, lozioni ed integratori!

Fra gli estratti naturali uno dei protagonisti è quello di miglio, un seme piccolo ed antichissimo dalle mille virtù e no, non solo per i capelli!

Che cos’é?

millet-1697117_640

Quella del miglio (Panicum miliaceum) è una pianta antichissima, capace di resistere ai climi secchi e di crescere rapidamente anche nei terreni più poveri. Fu proprio questa sua resistenza e questa facilità di coltivazione in tutto il mondo a renderla una delle piante più consumate fin dal Neolitico. Greci e Romani ne facevano un larghissimo uso e nel Medioevo era considerato un alimento sostitutivo della carne, specialmente durante i periodi in cui ne era vietato il consumo; fu una risorsa preziosa per moltissime popolazioni durante i periodi di assedio e le carestie.
Con il tempo, però, questa preziosa pianta venne progressivamente soppiantata da cereali più produttivi e redditizi, come il grano ed il mais, mentre le sue coltivazioni sono diventate sempre più marginali. Le coltivazioni rimangono invece abbondanti in Africa ed in Asia, proprio per la sua capacità di crescere anche in condizioni di siccità.

Come si usa?

Dalla pianta del miglio vengono ricavati i semi, raccolti in pannocchie dalla forma simile alla coda di una volpe, che possono essere consumati in vari modi.

Costituiscono un ottimo sostituto della pasta nelle nostre zuppe e nelle nostre minestre, ma possono anche essere trasformati in fiocchi ed in farina con cui ricavare una sorta di polenta (molto comune nelle regioni dell’Italia settentrionale), pane, focacce…
Attualmente dal miglio si ricava un latte molto gradevole e può costituire una base eccezionale per burger e polpette, grazie al suo sapore delicato.

Il miglio è poi uno dei cereali protagonisti della dieta macrobiotica, in quanto ritenuto, quasi al pari del riso, estremamente equilibrato per il nostro organismo. Una delle ricette più famose (e golose) è senza dubbio la zuppa di miglio e zucca, semplice e confortante, specialmente in questo periodo dell’anno!

Zuppa di miglio e zucca

Perché ci fa bene?

Non a torto in antichità il miglio era considerato un alimento essenziale! Questo piccolo cereale è infatti estremamente energetico, ricchissimo di carboidrati complessi, che rilasciano lentamente energia al nostro organismo e mantengono bassi i picchi di insulina. Già questo è un motivo più che sufficiente per portarlo più spesso sulle nostre tavole, ma c’è molto di più!

Il miglio è infatti ricco di grassi buoni per il nostro corpo ed ha una quota proteica del 12%, paragonabile a quella del grano, con un apporto di aminoacidi essenziali significativo: consumarlo assieme ad un legume (ceci, soia, lenticchie…) permette di offrire al nostro corpo tutte le proteine di cui ha bisogno, senza dover necessariamente assumere proteine di origine animale (da limitare, secondo le linee guida più recenti).

Ma il vero punto di forza del miglio è un contenuto di minerali senza pari! All’interno di 100g di questi preziosi granelli troviamo quasi il 44% del fabbisogno giornaliero di ferro (ricordando però che questo non viene completamente assorbito) e magnesio, assieme ad una quantità molto rilevante (circa il 55% del fabbisogno giornaliero) di rame ed un’ottima quantità di zinco, essenziale per le nostre difese e più in generale, per permettere un rinnovo efficiente del nostro organismo.

Proprio queste considerazioni stanno trasformando il miglio in un vero e proprio super-alimento, specialmente indicato nelle donne e nei bambini, e si stanno studiando gli effetti di tecniche come la fermentazione e la maltatura, che andrebbero ad aumentare ulteriormente la disponibilità di aminoacidi e minerali.

L’uso tradizionale come integratore per rinforzare i capelli e le unghie fragili è infine correlato alla presenza di acido silicico, un composto chimico contenente silicio.
Questo minerale è da considerare un micronutriente essenziale per favorire la ricostruzione del collagene, ovvero la struttura portante della pelle e dei suoi annessi (capelli e unghie) e delle ossa. A ciò si deve aggiungere la presenza di cistina, uno degli amminoacidi più rappresentati nella cheratina, la sostanza di cui sono composti per la maggior parte i nostri capelli.

A tutte queste già fantastiche proprietà si deve poi aggiungere che il miglio è completamente privo di glutine e quindi adatto ai celiaci ed agli intolleranti al grano, ma rappresenta per tutti una straordinaria risorsa per aggiungere varietà e nutrimento ai nostri piatti nel più totale rispetto del nostro benessere e di quello del pianeta.

Bibliografia

Acrylamide-forming potential of cereals, legumes and roots and tubers analyzed by UPLC-UV. [Galani JHY1, Patel NJ2, Talati JG2.]

Deciphering Genomic Regions for High Grain Iron and Zinc Content Using Association Mapping in Pearl Millet [N. Anuradha,1 C. Tara Satyavathi,1,* C. Bharadwaj,1 T. Nepolean,1 S. Mukesh Sankar,1 Sumer P. Singh,1 Mahesh C. Meena,2 Tripti Singhal,1 and Rakesh K. Srivastava3,*]

Comparison of nutritional quality and sensory acceptability of biscuits obtained from native, fermented, and malted pearl millet (Pennisetum glaucum) flour.[Adebiyi JA1, Obadina AO2, Adebo OA3, Kayitesi E3.]

8 risposte a "Il cibo che ci ama: il miglio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...