Floriterapia

Superlavoro e stress in vacanza: i fiori di Bach per gestirli al meglio

Per la maggior parte di noi si fa sempre più vicino l’inizio delle vacanze estive, un momento di riposo e serenità da trascorrere con le persone che amiamo e dedicarci a quello che ci piace.

Ma quanti riescono davvero a staccare la spina?

A volte però la realtà è ben diversa e non riusciamo a smettere di pensare a lavoro e preoccupazioni, che anzi finiscono in valigia con noi.

Il risultato è la frustrazione di non aver goduto appieno del periodo di pausa ed un forte senso di spossatezza che accompagnano il nostro rientro.

Ecco allora i fiori di Bach più adatti a concederci riposo e relax.

Gestire la stanchezza

flowers-2117392_640Un anno pieno di preoccupazioni ed impegni lascia senza dubbio il segno sia a livello fisico che mentale ed emotivo. Quando la stanchezza prende il sopravvento su tutto, al punto da non riuscire più a svolgere alcuna attività, ci è di enorme aiuto Olive, il fiore dell’olivo.

Questo fiore dona sostegno e nuove energie a tutte le persone provate da lavori faticosi, lunghi periodi di malattia o assistenza a persone malate, esami, impegni onerosi.

In più permette di riarmonizzare i comportamenti che hanno generato questo enorme senso di stanchezza creando un equilibrio fra il dare ed il ricevere, ma anche insegnandoci ad utilizzare in modo più saggio e rispettoso le nostre risorse.

Darsi il permesso di riposare

Bach individuò una personalità relazionata all’atteggiamento verso il lavoro e gli impegni e scelse come fiore guaritore Oak, il fiore della quercia.

Il tipo Oak ha una personalità forte e volenterosa, dalla speranza incrollabile e dall’enorme resistenza fisica, ma nella sua condizione disarmonica vediamo una figura incapace di staccare e concedersi di riposare.

Altruista e dalla pazienza sovraumana, Oak non fa che spendersi per gli altri, assume oneri e compiti non suoi, continua a svolgere le attività assegnate senza interruzioni e senza lamentarsi.

Queste personalità spesso soffrono in silenzio di problemi di salute e corrono il rischio di subire crolli psico-fisici o eventi traumatici improvvisi, che li costringono duramente ad arrestare questa loro volenterosità eccessiva.

Il fiore, quindi, rigenera la forza innata dei tipi Oak, facendo loro comprendere che essa è anche il frutto di momenti di riposo ed attenzione verso sè stessi.

Chiudere il circolo vizioso dei pensieri

chestnut-tree-337686_640

Esistono momenti in cui ansie e preoccupazioni invadono completamente la nostra mente, al punto di non riuscire a smettere di pensare.  Quando poi i pensieri giungono in modo totalemente disordinato ed ossessivo, rischiamo di rimanerne travolti e bloccati,  andando incontro a sintomi fisici piuttosto evidenti, come insonnia e forti mal di testa.

Quando ci troviamo in questa condizione anche l’inizio delle vacanze non dona nessun beneficio, motivo per cui occorre intervenire con White Chestnut, il fiore dell’ippocastano. Questo rimedio ci aiuta a riordinare i pensieri, dando loro l’ordine di priorità più giusto per noi, e mettendo a tacere quelli ossessivi, frutto di ansie e paure non motivate.

Smettere di pretendere di essere perfetti

Alzi la mano chi sta facendo i salti mortali per affrontare la prova costume al top o che sta controllando di continuo che tutto sia in ordine! Amore e cura per sè stessi sono fondamentali, ma quando questi arrivano all’ossessione per la perfezione ed il controllo, ecco che si corre il rischio di trasformare le vacanze, un momento di riposo e gioia, in una causa di forte stress. Dietro queste manie di perfezione si cela spesso una forte insicurezza, che Bach curava con Beech, il fiore del faggio.

Il rimedio incentiva la flessibilità e la capacità di accettazione delle imperfezioni che naturalmente possono scaturire dalle circostanze, ma anche da noi stessi. Ad un livello più profondo, l’essenza aiuta anzi a vedere proprio nell’apparente caos delle cose un meraviglioso insieme di possibilità. E’ assolutamente perfetto per godere delle opportunità che le vacanze sapranno offrirci!

Potrebbero interessarti anche…

Tanning     Tutto il buono del sole

Untitled design     Non solo “spaghetti”: cotture veloci, zero calorie

 

2 risposte a "Superlavoro e stress in vacanza: i fiori di Bach per gestirli al meglio"

  1. Da persona che soffre di attacchi di panico ho provato la miscela rescue, ma non ho avuto purtroppo degli effetti sufficienti…vorrei provare con qualche singolo fiore, magari possono essere più utili rispetto ad un mix 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Beh, il Rescue agisce solamente in piena emergenza e non nel lungo periodo. Ciò che sarebbe meglio fare è lavorare sulle cause degli attacchi oppure, se non note, sugli stati d’animo e sulla sensazione stessa della paura. Se vuoi parlarne, contattami in privato. Posso darti delle indicazioni più specifiche. 😊

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...