Preparazioni base · Trucchi di Autoproduzione

Il dado granulare fatto in casa!

Inutile dirlo, il dado granulare è un insaporitore davvero eccezionale, non solo per preparare il classico brodo e le zuppe, ma anche per arricchire numerosi piatti.

Cosa c’è di solito nel dado granulare vegetale di produzione industriale?

Guardando l’etichetta del dado di una delle più celebri marche troviamo come primo ingrediente, quello cioè più rappresentato, il sale, seguito dal glutammato e da altri composti chimici necessari ad esaltarne il gusto, abbiamo poi estratto di lievito, lattosio e zucchero; le verdure (che dovrebbero essere l’ingrediente principale) sono solo agli ultimi posti insieme ad altri insaporitori e coloranti naturali.
E’ quindi una soluzione pratica, ma inadatta a chi soffre di intolleranze (lattosio e lievito), a chi ha già delle malattie conclamate (diabete, ipertensione, malattie del cuore) ed a chi, in generale, vuole stare attento a ciò che mangia.

Esistono tante versioni di dado preparato in casa in cui, se non altro, gli ingredienti sono decisamente più genuini, ma restano due problemi: il contenuto di sale è comunque elevato, in più gli ingredienti devono essere cotti per molto tempo, perdendo le loro proprietà. Inoltre spesso si tratta di “pappette” ultrasaporite, che possono essere usate solo sciolte in qualche altro ingrediente (acqua, olio per le marinate, sughi…) oppure rese granulari solo attraverso un ennesimo passaggio di essiccazione in forno.

Che fare?

La soluzione più semplice spesso è davvero la migliore e, dopo numerosi tentativi, siamo arrivate ad una versione ottima. Richiede pochissima manualità ed i risultati sono sbalorditivi; provare per credere!

Ingredienti

+ 1 carota
+ 1 cipolla
+ 1 costa di sedano comprese le foglie (opzionale)
+ altre verdure di stagione (es. pomodoro, foglie di cavolo, zucchine…), noi qui abbiamo usato 2 foglie di cavolo verza
+ erbe aromatiche di stagione, in questo caso 1 rametto di rosmarino ed 1 di salvia
+ qualche fungo secco
+ 3 cucchiai di sale fino(meglio integrale)
+ 1 cucchiaio d’olio d’oliva

Procedimento

++ Tagliamo a fette sottili tutte le verdure fresche, dopo averle ben lavate.

++ Mettiamole su una placca da forno ben distanziate ed inforniamo al minimo (se ne abbiamo la possibilità, a 60°-70°, con la ventilazione avviata). Lasciamole quindi essiccare, l’operazione richiederà alcune ore (da 7 a 9, circa, a seconda del tipo di ortaggi, dello spessore delle fette e della temperatura del forno). Ogni tanto dovremo ricordarci di controllare le verdure e rigirarle.
Se in casa abbiamo un essiccatore, usiamolo!! E’ sicuramente un’opzione più che pratica ed i risultati sono ottimi.

++ Una volta pronte, mettiamo le verdure nel bicchiere del robot da cucina, assieme al sale, all’olio ed ai funghi secchi.
Tritiamo alla massima velocità fino ad ottenere una polvere.

Fatto! Il dado sarà profumatissimo e perfetto per insaporire ogni nostra pietanza. Possiamo metterlo in un barattolo di vetro e conservarlo in un luogo buio e fresco, per evitare che l’olio irrancidisca, e consumarlo entro breve tempo, massimo 5 – 6 settimane, perché il sale aggiunto è davvero pochissimo.

Non c’è però da preoccuparsi, di sicuro finirà prima!

Potrebbero interessarti anche…

3 zuppe     3 Zuppe (versione invernale)

Confettura raw     Confetture “raw”, pronte senza cottura!

16 risposte a "Il dado granulare fatto in casa!"

  1. In effetti è vero, io sono vegetariana da più di un decennio e oramai ho trasmesso l’attenzione alle etichette anche alla mia famiglia, ora mia madre per fare la spesa ci impiega un’ora e mezza ma si guarda ogni ingrediente prima di mettere nel carrello, la considero una cosa veramente positiva!
    Da anni abbiamo estromesso il glutammato, non mi piace l’idea che sia necessario aggiungere qualcosa che “esalti le note salate”, mi ha sempre fatto pensare che il resto degli ingredienti lasciasse un pò a desiderare….Quando ho trovato tra gli scaffali della catena IN’s il brodo/dado granulare bio l’ho provato subito, uno dei pochissimi (forse l’unico) ad avere le verdure come primi ingredienti e non il sale, e da allora ne faccio sempre una buona scorta quando vado perchè è veramente ottimo ed ha anche un prezzo onesto (se non sbaglio circa 1,90 € per 125/150 gr di prodotto).
    La tua ricetta è davvero interessante, ma tenere acceso il forno per così tanto….voglio assolutamente un essiccatore!! Bramo di poter fare le chips di mela…

    Liked by 1 persona

    1. Grazie grazie! ❤
      Purtroppo in zona non abbiamo In’s, ma se dovessi capitare, me ne ricorderò. 😉 Questa versione ha di buono che è anche senza lievito, spesso comunque aggiunto ai dadi che si trovano in commercio ed è adatto anche a chi è intollerante a questo ingrediente (Eliana mi sensibilizza adeguatamente sulla questione! 😂)
      Certo, quello del forno è un problema, che si può risolvere alzando un po’ le temperature (ma non troppo altrimenti le verdure cuociono o si bruciano). A casa abbiamo l’essiccatore ed ho provato entrambe le versioni, che sono comunque ottime! Valutane l’acquisto; non credevo, ma in realtà lo uso tantissimo!

      Liked by 1 persona

      1. Sai che ci sto facendo parecchi pensieri sull’essiccatore? Perché non sembra ma avendo l’orto sarebbe un modo ottimale per conservare la verdura senza doverla congelare…
        Sul dado poi hai ragione, le autoproduzioni sono molto democratiche e riescono ad essere consumate anche da chi purtroppo è limitato da allergie o intolleranze!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...